Loading…

Trib. Viterbo, 18 novembre 2021, Pres. Turco, Est. Geraci

CONCORDATO PREVENTIVO – Funzioni del giudice delegato in fase di esecuzione – Funzione di vigilanza – Sussistenza – Funzioni coattive – Insussistenza.

Visualizza il provvedimento
ll commissario giudiziale è onerato di riferire al giudice delegato “ogni fatto dal quale possa derivare pregiudizio ai creditori”; a fronte di tale segnalazione, tuttavia, la legge fallimentare non attribuisce alcun potere di coazione al giudice delegato, il quale assume, di conseguenza, una funzione di vigilanza sull’operato del commissario circa i doveri impostigli dal medesimo art. 185 L. fall. e sulle modalità di sorveglianza da esercitare sul debitore. Il giudice delegato è, inoltre, preposto a verificare che il commissario informi tempestivamente il ceto creditorio di guisa che ciascun creditore sia posto nelle condizioni di valutare il deposito di un ricorso ai sensi del successivo art. 186 L. fall. Ciò si desume – a contrario – dai poteri riconosciuti al tribunale dai commi dal 3° al 6° dell’art. 185 L. fall.
Riproduzione riservata

art. 185 L. fall.
art. 186 L. fall.