Loading…

Cass., Sez. 1, 11 novembre 2021, n. 33619, Pres. Est. Vannucci

CONCORDATO PREVENTIVO – Dichiarazione di fallimento in pendenza del giudizio di omologazione del concordato – Omologazione in appello – Legittimazione del curatore a proporre ricorso per cassazione solo per far valere l’improcedibilità del giudizio di omologazione – Sussistenza – Fondamento.

Visualizza il provvedimento
La legittimazione del curatore al ricorso per la cassazione di decreto di omologazione di concordato preventivo attiene ai soli vizi della decisione di appello relativi alla legittimità della proposta di concordato, non anche al dedotto vizio di procedibilità del giudizio di omologazione, dal giudice adito rilevabile d'ufficio, quando sia nel frattempo intervenuto il fallimento dell'imprenditore proponente. In tale ipotesi, il curatore del fallimento dell'imprenditore è titolare di un autonomo diritto, di natura esclusivamente processuale, volto a evitare, mediante la sollecitazione di una pronuncia di improcedibilità del giudizio di omologazione del concordato preventivo, che lo stesso imprenditore sia contemporaneamente soggetto a due procedure concorsuali (il concordato preventivo e il fallimento) fra loro radicalmente incompatibili. 

Massima Ufficiale
Riproduzione riservata

art. 160 L. fall.
art. 180 L. fall.